Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2019

Prima che

Immagine
E se potessimo tornare  Al ricordo che hai di me
Alle cose come sono  O come erano prima di distruggerle 
Prima che
Ma se potessimo scappare  Dall'idea che avrò di te E riprenderci le mani  Con la voglia di tenerle il più possibile 
Se riuscissimo a trovare ancora quell'ingenuità Che ti fa sentire a casa anche non avendola  E senza sforzo fingere di non sapere già  Com'è che andrà
Se sapessimo guardarci con un po' di gelosia Quella sana, quella semplice  La paura che si possa facilmente andare via 
E cercare di stupirsi e poi arrabbiarsi e poi lasciarsi  Senza mai riuscirci e farsi dei discorsi giuro assurdi  Per poi ritrovarsi stretti che non ti lascerò mai 
Capisci, mai
Se anche fossimo sicuri  Che la colpa  È stata solo mia 
Cambierebbe qualche cosa  O basterebbe solo il peso  Della tua malinconia 
Mi cercheresti ancora, ancora 
O scapperesti via
Ma se potessimo tornare  Al ricordo che hai di me

Ragazza fortunata

Immagine
Intervista a Chiara Catella, il Sindaco che va a canestro
Chiara Catella era una delle mie “bambine” quando a inizio anni ’90 ero dirigente accompagnatore della formazione Juniores della Pallacanestro Gavirate. Un po’ più che bambina a dire il vero, era una diciassettenne piena di voglia di vivere e di far casino, ma con occhi profondi che rivelavano una gran voglia di cambiare il mondo almeno un po’. La incontrai l’ultima volta ventenne nel 1994, sempre giocatrice di basket, ma tornata nel suo Cantellodurante una partita con il Valcuvia Basket, l’ultima squadra che seguii io prima di lasciare per sempre il mondo del basket. La ritrovo ora, 25 anni dopo, eletta da poco Sindaco della sua comunità, con alle spalle un’esperienza decennale da assessore. Nella sua storia ci sono molti aspetti: lo sport, l’impegno civile, il dolore di una perdita difficile da superare, l’amore per la sua terra, l’essere donna in due mondi, quello del basket e quello della politica, che sono ancor oggi a fort…

The best is yet to come

Immagine
Inno d’Italia e tanto pubblico per il primo Consiglio comunale di Chiara Catella

Emozioni che non si possono assolutamente spiegare,  che non si possono nemmeno raccontare. Solo immensamente orgogliosa, di essere arrivata fino a qui.
💚