Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2015

Yeeee

Sognare vetro rotto o scheggiato, vetro in frantumi, schegge di vetro.
Il vetro è un materiale fragile e se si rompe è pericoloso; i frantumi e le schegge vanno a finire ovunque, e possono provocare profondi tagli e ferite. Se nel tuo sogno vedi vetri rotti , ciò può rappresentare qualcosa che nella tua vita è andato in frantumi: obiettivi non raggiunti, sogni infranti, delusioni; hai perso fiducia in qualcosa in cui prima credevi. Se nel sogno compare anche il sangue, ciò indica che hai subito una ferita che ti fa soffrire. Molte persone sognano il vetro rotto della macchina, del cellulare, di una finestra, dell’orologio, del bicchiere, di bottiglia…. a seconda del contesto, puoi provare a capire l’ambito a cui fa riferimento il sogno.
Altra interpretazione: Rispondete alle seguenti domande: Avete messo in pericolo il legame che avete con qualcuno come parenti, amici o il proprio partner? Avete offeso qualcuno? Qualcuno soffre? Siete voi, o qualcuno che vi è vicino? Troverete sicurament…

Due tappetini

[on the air: incanto - Tizianello]
Come quando io ti ho visto per la prima voltaTra milioni di occhi la vita si nascose
Come fissare il sole in una notte
Far sparire tutti gli altri in un secondo come niente Dopo un lungo inverno accettammo l’amore
Che meritiamo di pensare o pensiamo di meritare
Per questo a volte ci facciamo così male Desidero sapere dove va a finire il sole
Se il freddo delle parole gela lo stupore
Se non ti so scaldare né curare dal rumore Ho soltanto una vita e la vorrei dividere
Con te che anche nel difetto e nell’imperfezione
Sei soltanto… incanto, incanto Istantanee di secondi lunghi quanto un anno bisestile
Quando posi la tua testa su di me
Il dolore tace… incanto, incanto
Semplicemente incanto. E se sono insicurezze, entusiasmi e poi silenzi
Il mestiere dell’amore al tramonto nei tuoi occhi
Il coraggio in una frase che fa paura
Il rancore nelle storie maturato nel silenzio
Il sorriso che sconvolge mesi di tormenti La bellezza che stringo, io geloso del tuo cuore
Che protegger…

Amica

Immagine
[Ho cercato nei meandri del pc una nostra foto decente... Ma o erano troppo idiote, o una delle due aveva una faccia - idiota - improponibile, o eravamo brille...  Ma questa mi è sempre piaciuta, anche se tanto sane non eravamo manco li...]

"... Ieri mentre parlavamo pensavo due cose: che alla fine davvero quello che abbiamo costruito assieme è stato qualcosa di bello e vero. Altrimenti non ci avrebbe permesso di stare così bene, sempre. Secondo, che non parlavo di quello che avevo nel cuore con così tanta libertà e sincerità da non so quanto tempo. Mentre tornavo a casa pensavo che sei terapeutica. Lo sei sempre stata, a dire il vero. Comunque hai un dono meraviglioso che, tra tutti, era ed è quello che di te mi è sempre piaciuto più di altri: sai ascoltare, ma lo fai sul serio. Grazie, magari ti ho un po rotto le palle, ma sono stata bene e mi hai fatto bene al cuore. In bocca al lupo anche a te. È ora di spiccare il volo ma sotto ci siamo noi a prenderti, qualsiasi cosa succeda.…

Vabbhè

"La vita, non ti da le persone che vuoi. Ti da le persone di cui hai bisogno: per amarti, per odiarti, per formarti, per distruggerti e per renderti la persona che era destino che fossi."
Albert Einsten
Zio Albertino, ma fai il bravo almeno tu.
Allora:  Che la vita non mi dia le persone che voglio, sono arrivata a quarant'anni, sono sempre stata un pò invornita nel rapporto col prossimo, ma forse a questo ci sono arrivata. Anche se non sono del tutto d'accordo. Perchè alla fine le persone che vuoi avere accanto nel tuo cammino, te le scegli, a differenza dei famigliari, che invece quelli sono e quelli restano.
Che la vita mi dia le persone che mi servono... Boh. Magari può essere. Anche se a volte ce ne rendiamo conto tempo dopo. Col senno di poi, se mi volto indietro, è assolutamente vero che la Donna che sono adesso è frutto del passaggio delle persone, tante e diverse, che si sono succedute negli anni. Alcune sono rimaste, altre no, ma ognuna di esse è servita nel bene e nel…

Grande Francè

Non sono mai stata una seguace delle personalità pubbliche così, tanto per, giusto perchè vanno di moda o tutti ne parlano. Mi sono sempre fatta la mia idea, a prescindere.
O comunque non le ho mai eccessivamente enfatizzate, a parte Colin Firth. (SBAV) Comunque, fatta questa bella premessa, ammetto che Papa Francesco fa decisamente eccezione.
In questo momento della storia dell'Uomo, triste, in cui veramente mi pare che si sia perso il lume della ragione, in cui ci si ammazza con la stessa facilità e lo stesso coinvolgimento emotivo con cui si spiaccicano le zanzare sul muro, nel quale a partire dalle persone che ci pascolano a fianco, pare impossibile trovare qualcuno che abbia in sè dei valori fosse anche solo il semplice rispetto nel senso più ampio del termine, per la persona che abbiamo difronte... Le sue parole così semplici, vere, dirette e pulite sono un dono grande. Ma sul serio.
Raggi di sole che scaldano. La voce che probabilmente gli viene data da Qualcuno di più important…

Donne, du du du...

Immagine
[on the air: donne - zucchero]


"Cuz, ceniamo da Nerito?" "Si Gira va bene! Però stiamo leggere e soprattutto beviamo poco che è giovedì..." [Effettivamente polenta e coda alla vaccinara è un piatto inserito in tutte le diete ipocaloriche del mondo...]
Si. Appunto. Evvafff....
A prescindere dalle confidenze, tra due Donne cui la vita di sconti non ne ha proprio mai fatti, quello che mi colpisce sempre della mia Amica Gira, è l'amore smisurato, grande, profondo, vero e immutato - anche se lui non è più al suo fianco - che trasuda dalle sue parole, dal suo viso, dai suoi occhi quando mi parla di Carlo. La loro storia mi ha sempre emozionata, molto, ma io non ho mai sentito nessun'altra Donna, soprattutto trent'anni dopo, raccontare il sentimento d'amore verso il proprio uomo come fa lei. Ma nessuna.
Allora non sono stronza io, l'Amore quello vero, quello con la A maiuscola, quello che ti sconvolge e coinvolge per una vita intera esiste veramente. Altro che…

Je NE SUIS PAS Charlie

Ecco perchèJE NE SUIS PAS CHARLIE.
Bergoglio parla degli attacchi di Parigi mentre è in volo verso le Filippine.
Credo che tutti e due siano diritti umani fondamentali, la libertà religiosa e la libertà di espressione. Non si può nascondere una verità: ognuno ha il diritto di praticare la propria religione senza offendere, liberamente, e così dobbiamo fare tutti. Non si può offendere o fare la guerra o uccidere in nome della propria religione, cioè in nome di Dio. A noi quello che succede adesso ci stupisce, no?, ma pensiamo alla nostra storia: quante guerre di religione abbiamo avuto! Lei pensi alla notte di San Bartolomeo. Anche noi siamo stati peccatori su questo. Ma non si può uccidere in nome di Dio. È una aberrazione. Con libertà, senza offendere, ma senza imporre, senza uccidere…Parlava della libertà di espressione. Ognuno non solo ha la libertà, ha il diritto e anche l’obbligo di dire quello che pensa per aiutare il bene comune. L’obbligo! Se un deputato, un senatore non dice qu…

Dipendenza affettiva

Ore 03.08: Brenda e Juno se la raccontano con tutti i cani del vicinato da almeno un'ora e mi svegliano. Scendo, e con la dolcezza che può contraddistinguere una che deve uscire in pigiama al freddo alle 3 di notte per far tacere le proprie belve (...), le faccio smettere. Torno a letto. Macheccazz... Mi scappa pure la pippi. Altro giro, stavolta in bagno. Torno a letto. Prendo il telefono, solita carriolata di sms che speravo di ricevere (ovvero manco uno), inizio a cazzeggiare su Fb e mi imbatto in questo articolo. Mizzega ma che è! Eppure non l'ho scritto io... Ma sembra la perfetta analisi di tutte le mie relazioni... Aspetto tragico più, aspetto tragico meno... Se volete leggerlo il link è questo, c'è pure il test da fare alla fine.
Comunque, colpita e affondata.
http://d.repubblica.it/amore-sesso/2015/01/12/news/dipendenza_affettiva_test_l_amore_rende_dipendenti_psicologia-2438212/?ref=fbpr
È vero: l'amore ci rende sempre dipendenti. È il bello di questa esperienza trav…

Restart

[on the air: quante volte - vasco]


"... C'era la sua paura del rischio e della sofferenza di amare. Ma poi una donna particolarmente coraggiosa gli fece capire che la sofferenza è il prezzo dell'essere umani, e lo vale tutto. Alla fine Lewis dice ai suoi studenti: la sofferenza è il megafono che Dio usa per destare un mondo sordo. E gli dice anche: Siamo blocchi di pietra, i colpi del Suo scalpello che ci fanno così male sono ciò che ci rende perfetti". (Open - Andre Agassi)
Il mio ritorno alla civiltà è coinciso con un lunedì - cosa che odio, perchè arrivi alla fine della settimana che non sai più quante ne hai in tasca e sei più stanco di prima delle vacanze - che però, tutto sommato, devo ammettere non sia stato poi così traumatico. E' una ripartenza, in tutti i sensi. Ho toccato il famoso fondo del famoso barile. Ho buttato fuori tutto quello che c'era da buttare, per me stessa, anche se avrei preferito condividere quello che avevo nel cuore, invece di raccon…

Buon viaggio grande Pino

Immagine
Je te penze accussì, per ore e ore  je te voglie accussì, te voglie ancora  e si chest nunn'è ammore  ma nuje che campamme a ffà  e se chiove o jesce o sole  je te voglie penzà,  pecchè senza 'e te nun sò iente. 
Je te sento accussì, comme o sang int'e vene  se chiudo l'uocchie si, te voglie assaje bene  e si chesto nunn'è ammore  ma nuje che campamme a ffà  e se chiove o jesce o sole  je te voglie penzà,  pecchè senza 'e te nun sò niente. 
Pecchè senza 'e te me siento  nun se vede manco 'a luna  pecchè senza 'e te t'o giuro  je nun credo cchiù a nisciuno  je nun credo cchiù a nisciuno  a nisciuno a nisciuno  pecchè senza 'e te nun sò niente.

2015

"Come è iniziato il nuovo anno?" "Abbiamo la domanda di riserva?"
Stesse modalità.  Stessa tristezza.  Stesso stato d'animo.  Stessa delusione.  Stessa fatica.
... E ne mancano ancora 359.  Mi viene male, giuro.