Post

Uaoooooooo!

[on the air: nessuno vuole essere Robin - cesare]

21/27 giugno 2018
Ti consiglio di non cedere alla tentazione di andare alla ricerca di nuovi eroi. Ti distrarrebbe dal tuo compito principale delle prossime settimane, che è quello di essere tu stesso un eroe. Ecco qualche suggerimento per allontanarti dall’idea troppo modesta che hai di te stesso ed esplorare le opportunità di liberazione che potresti avere se ti dessi più fiducia.
1) Lasciati alle spalle i vecchi eroi che in passato ti sono stati utili.
2) Perdona e dimentica gli eroi deludenti e ipocriti che hanno tradito i loro stessi ideali. 
3) Esorcizza la tua immotivata ammirazione per semplici celebrità che ti hanno ingannato facendoti credere di essere eroi.
uuuuh il terzo punto come mi piaceeeee! Buon ultimo giorno da quarantatreenne! 🚀
Oggi ho cercato (insistentemente) di aprire il Comune con le chiavi di casa.  #quarantaquattroenonsentirliancora
#comepossoiononcelebrartivita 💚

Cat e Pippo

Immagine
Capito perchè uno dei miei sportivi preferiti è Pippo Inzaghi?
Che si tratti della finale di coppa, dello spareggio alla sagra della mano sudata o la prima partita del torneo dei rioni contro Gaggiolo vinta facile di 1 (il tabellone qui mente... la bomba era da tre e sono stati assegnati tre tiri liberi per loro a tempo scaduto. Risultato finale 55 a 56) tra due stoicissime squadre che si sono affrontate cinque contro sei, poco importa.
L'adrenalina è quella, la scimmia da spirito competitivo incontrollato pure. Anche se (per fortuna di tutti quanti) tocco palla una volta all'anno e solo per i ragazzi del mio rione.
Quaranta minuti come ai vecchi tempi in cui, con stupore, non mi sono sentita fuori posto ma anzi... stavo proprio bene!
Stavo così bene, che ho fracassato le balle a tutto il mondo, pur di non perdere quella cacchio di partita. Non ce la faccio. E' veramente troppo più forte di me. Il sacro fuoco della (ex) giocatrice inizia ad ardere non appena quell'odiata-ama…

Odio fare shopping

Immagine
E molto anche.
Prendi ieri sera.
Si certo, andare per negozi al centro commerciale dopo 12 ore di smerigliatura ininterrotta di maroni non sarà stata una grande idea... ma non è che altre volte sia stato diverso. Ero anche mossa da buoni propositi: solo cose da donnina lasciando perdere le felpe e le magliette da pistolina e le cose che poi tanto va a finire che non (posso più) metto...
Entro nel negozio, inizio a guardarmi in giro: che carini, si questo mi piace, no di questi ne ho 25 uguali, vabbè. Scelgo e mi infilo nel camerino.
DRAMMA.
Quando ho realizzato che mi dovevo svestire - comprese le all star - volevo ripiegare tutto e andarmene. Che fatica! Che sbatti! Che palle!
Uff.
Il mio shopping ideale dovrebbe avvenire in questo modo: me, chiusa nel camerino, che mi svesto rigorosamente una volta sola e fuori tutti gli schiavetti impazziti come la pallina del flipper che mi portano a comando i vestiti da provare. Ecco così allora penso che potrei sopportarlo. Forse.
Un altro aspe…

E ma se pure l'oroscopo ce se mette...

Immagine
🚀

Come una favola

Immagine
Il #royalwedding di sabato, è come Sanremo. Tutti a spergiurare di non guardare una cosa così inutile, salvo poi assistervi di nascosto, leggere tutti gli articoli, spiare le foto su instagram e Facebook stando ben attenti a non far partire un Like che lasciasse traccia del passaggio o confondersi con i beceri che - addirittura - hanno condiviso post sulla propria bacheca.
Certo, non è che il venerdì notte l'ho passato in bianco attendendo l'ora del fatidico Si, nemmeno ho cancellato impegni dalla mia agenda del sabato per questo motivo, però l'ho guardato volentieri.
Un pò curiosando, un pò cazzeggiando, fino a quando ho visto Harry compiere tutti i gesti - ma proprio tutti, non ne ha saltato uno - tipici delle persone più che coinvolte travolte, emozionate, tese, con il cuore che scoppiava nel petto. Ho pensato: voglio proprio vedere cosa gli succede appena la sposa mette piede in chiesa.

Inutile sottolineare i fiumi di lacrime che copiose hanno inondato prima un malcapitat…

Loro 2

Eh si. Mi tocca dirlo: Loro 2 è B E L L I S S I M O. Un film che ti da uno scossone, poi due, poi tre... Ed alla fine ti lascia una stretta al cuore fortissima, con l'inquadratura della statua del Cristo (solo, anche lui) recuperata dai Vigili del Fuoco nella notte del terremoto de L'Aquila ed adagiata su di un telo porpora, in mezzo alle macerie. Una scena dolorosissima e commovente.
Loro 1 parla di Loro. Loro 2 parla di Lui e mette in risalto una condizione di solitudine atroce. Un uomo assolutamente solo nonostante cerchi di riempire con un sacco di cose e di persone il proprio spazio vitale.
Fatto benissimo, recitato da Dio (no da lui in persona, in senso lato), un film che ti lascia dentro qualcosa di meglio, dello schifo che mi ero portata via dalla prima parte del film.
Un'altra cosa che mi è piaciuta moltissimo è l'uso della luce che cambia a seconda delle persone, delle inquadrature, dello stato emotivo. Memorabile la telefonata del Venditore-Silvio alla signora sedut…

Orgoglio e gratitudine

Immagine
Quando penso alla figura di mio Papà ed a quello che ha fatto per Cantello, mi vengono in mente tre parole: 
PASSIONE: quella che ti arde dentro e non riesci a controllare, che ti fa stare bene solo quando riesci a portare a compimento ciò che hai nel cuore;
ENTUSIASMO: che mi hanno sempre trasmesso le fotografie ed i racconti di quel periodo, in cui forse nessuna delle persone che partecipava alle feste, alle pedalate, alle gite, alle raccolte di sangue presso l’asilo parrocchiale, era consapevole della grandezza e dell’importanza che avrebbe avuto per il futuro del nostro Paese il seme che avevano da poco iniziato a coltivare;
CORAGGIO: perché per dare vita ad un progetto di associazionismo così importante in un paesino come il nostro, a mio avviso, ce ne voleva davvero tanto. Il Coraggio poi di sfidare mia mamma e sei - quasi sette - figli per organizzare riunioni e consigli direttivi direttamente nel nostro soggiorno, non potendo ancora disporre di una sede vera e propria, con mia so…