Post

Visualizzazione dei post da ottobre 6, 2010

La posta del cuore VII

Non è mai facile, tutto, ed è per questo che uno ci deve provare. Forse è il caso di rileggere tutte le sofferenze che avete dovuto patire, partendo da Franco fino all’8 novembre 2009. Tutto troppo grande e senza una spiegazione razionale. Ma nella vita per fortuna c’è anche l’irrazionale altrimenti tutto sarebbe predeterminazione e pianificazione. Ci sono tanti detti: per ogni porta che si chiude si apre un portone, le sventure non vengono mai da sole… Ma quando una persona è nella sofferenza più profonda non vede mai la luce (ma da qualche parte c’è n’è sempre una, anche per quei poveri minatori seppelliti 800 mt sotto terra). Che sia forse , la tua, la necessità di andare via da quella casa, proprio quella che tu ami tanto. Ma cosa ami di quella casa? I mattoni, l’architettura, il verde? O forse ami ciò che era e ciò che è? Ma quelli sono sentimenti e te li porti appresso.
Quanta cattiveria dietro ogni decisione drastica…ma quanta cattiveria devi masticare ogni giorno per continuare …