Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2016

Sessanta

Immagine
L'incisione parla chiaro: 29 aprile 1956. Sessant'anni. Sessant'anni fa iniziava tutto. Era una domenica. Iniziava la storia della nostra famigliona. Mia Mamma e mio Papà si sposavano e avrebbero poi dato vita ad una delle storie più belle e uniche che abbia mai avuto la fortuna di poter vivere. Quante cose sono successe in mezzo... Credo che nemmeno loro avrebbero potuto immaginarlo. Hanno dato vita a ciascuno di noi, ci hanno regalato un'incredibile avventura ma soprattutto ci hanno fatto diventare, con il loro esempio, la loro educazione e - ognuno dei due a proprio modo - con il loro amore, le persone speciali che siamo oggi.  Ci hanno insegnato l'importanza della famiglia che è uno dei valori di cui vado più fiera ed orgogliosa in assoluto. Ne abbiamo passate tante, momenti terribili, storie dolorose, ma ne siamo sempre venuti fuori. Assieme. Un dono meraviglioso. Vi ho sempre addosso, mi sono tatuata voi due sulla caviglia, le vostre due fedi sono sempre con me e …

VII

Immagine
... Quello che mi sconvolge è che nonostante siano passati duemilacinquecentocinquatancinque giorni da quando te se sei andato (senza salutare) sei sempre sempre e sempre in mezzo ai maroni! Per un ricordo, una frase, una cosa che dicevi, quello che hai fatto per Cantello e per gli asparagi, per le tue minchiate che mi fanno ridere come se te le sentissi dire ancora, per tutto quello che dovevamo ancora fare assieme ed invece mi hai lasciato sola. Sempre qui. 'Sempre' è una parola che proprio ti appartiene, in qualunque modo si possa interpretare. Bacino Fra, ovunque tu sia ❤️ [Lo so che questa foto l'ho già pubblicata un sacco di volte, ma mi piace un casino anche pensando a chi gliel'ha scattata, per quei strani giri che fa la vita riuscendo, in un modo o nell'altro, nel bene o nel male, a sorprenderti. Sempre.]

Ascoltami

[on the air: ascoltami - ron]

E' così facile cadere scivolando su parole dette male non ti accorgi in quel momento che hai tirato un pugno in faccia che fa male perdonami se puoi perdonami
Ti vedo rotolare sei una foglia in mezzo al vento della sera e nel traffico dei miei pensieri ti raccolgo per portati a casa
Ascoltami Ascoltami
Io no Io no non sono mai cambiato e quante volte ancora poi mi brucerò lo so che quel che sono è il mio passato ma sono vivo accanto a te respiro solo dentro al tuo respiro
Stasera c'è un bel vento io mi sento più leggero insieme a te lasciamoci partire siamo rondini lasciamoci tornare
Ascoltami Ascoltami
Io no Io no non sono mai cambiato e quante volte ancora poi mi brucerò io sbaglierò ma questo è il mio coraggio è freddo inverno accanto a te serve il tuo orgoglio non mi senti più perdonami per il cuore che ho messo e per quel poco che ho
Ascolta questo bel silenzio Ci sto provando anche io
Io no Io no non sono mai cambiato e quante volte ancora poi mi brucerò lo so che quel che son…

Sex and the city

[on the air: empire state of mind - jay z. alicia keys]
E' noto.  Ormai si sa no? Sono sempre indietro come le balle del cane, arrivo sempre tre o quattro pagine del libro dopo, ma ci arrivo. Ai tempi (ma quali erano, tra l'altro?) in cui la gente impazziva per sex and the city io avevo altro da fare. Cosa non lo so, ma non trovo altra spiegazione. Comunque tutto è iniziato così: [breve inciso: guardo pochissima tele. Praticamente tg-unpostoalsole-filmanastro] una domenica pomeriggio trasmettono Sex and the City, ma il film. Non avendone mai vista una puntata mi dico massì! Vediamo di cosa si tratta. Lo guardo - quello che si conclude con il matrimonio tra Carrie e Big -e mi do della pirla per essermi persa le disavventure di una disagiata affettiva praticamente identica a me! Oh Carrie amica mia! Come ti capisco! E quanto ridere mi fa la panterona ninfomane. In squadra in tutti gli anni di carriera, ne ho avute di simili. Non a quei livelli... Ma poco ci mancava! Quindi, da qualch…

Screenshot - Il ragazzo di campagna

Immagine
"Oh! Gira su rete quattro che c'è il ragazzo di campagna!" "Giro subito!" Questo è il risultato. Siamo fantastici.
[Come dice fratello acquisito C. il mio livello di sottocultura è veramente invidiabile!]

Love & mercy

Immagine
[on the air: love and mercy - brian wilson]



Ma... Non ne ho ancora capito il vero motivo, ma questo film mi ha stesa. Da quando l'ho visto non ho smesso di pensarci. Di solito mi capita solo con i film che mi prendono moltissimo... Ma per altre storie. Non so. Non me lo spiego. Tra l'altro i beach boys non mi hanno mai fatto impazzire, a parte i successoni da surfing in piedi sui tavoli dopo la terza o quarta birra... Non mi spiego nemmeno del perchè un film così bello e toccante non se lo sia filato nessuno. Per vederlo sono dovuta andare a Milano nel cinema sottoterra... Carino è. Ma pur sempre sottoterra.
O saranno queste storie d'amore terapeutiche con queste donne con i maroni cubitali che salvano gli uomini dai disastri emotivi e affettivi che hanno combinato genitori che tutto magari dovevano fare nella propria vita tranne quello... 
Vado avanti a pensarci. 
In ogni caso, Paul Dano bravo, ma non mi ha convinta. John Cusack me lo son portato via dallo schermo. Prova intima…

Sempre meglio a quanto leggo...

Cancro 21 giugno-22 luglio
Il tuo oracolo personale per le prossime settimane è una fiaba di 2.600 anni fa. Fu scritta dal greco Esopo, ma poi è stata tradotta in tante lingue. All’inizio della storia, un cane trova a terra un pezzo di carne cruda. Stringe trai denti il suo tesoro e corre verso casa per goderselo in pace. Lungo la strada passa su una tavola di legno che attraversa un ruscello. Guardando giù, vede il suo riflesso nell’acqua, pensa che ci sia un altro cane con in bocca un altro pezzo di carne e, nel tentativo di strapparglielo, lascia cadere il suo, che viene portato via dalla corrente. Morale della favola: “Attento a non perdere quello che hai di concreto cercando di afferrare le ombre”.

Serendipity

Immagine
[on the air: domenica bestiale - fabio concato] a
"Serendipità: lo scoprire qualcosa di inatteso e importante che non ha nulla a che vedere con quanto ci si proponeva o si pensava di trovare attitudine a fare scoperte fortunate e impreviste capacità di cogliere e interpretare correttamente un fatto rilevante che si presenti in modo inatteso e casuale." a Se chiudo gli occhi e ripenso a questo giorno emmezzo, la prima parola che mi viene in mente è
profumo.
Il profumo del mare, che quando scendi verso la Liguria, ti sembra di iniziare a sentire anche molto tempo prima di arrivarci; il profumo della primavera, che è vero che c'è anche qui, ma così intenso, non lo avevo ancora sentito; il profumo del vermentino, fruttato, buonissimo, che ha benedetto con la sua pienezza una serata molto bella; il profumo buonissimo del fortino - degli alberghi detesto di solito due cose, anzi tre: l'odore delle camere, inconfondibile, un misto tra chiuso, carne umana, vecchio, alito e pulizie fatt…

Memories - I miei primi 5 anni

Immagine
[on the air: blue skies - jamiroquai]
a
"L'accadde oggi" di quel diavolo di Zuckerberg lo trovo geniale. Troppo divertente. Di solito mi riporta a quintali di scemenze, soprattutto con il mio ex collega F., robe veramente da galera, oppure a rendermi conto di quanto sia cambiata anche nell'uso di questo strumento del demonio. Oggi però un paio lacrime me le ha rubate: a parte aver realizzato che sette anni fa, proprio oggi, compleanno dell'Ale, ero bella precisa che me la trotterellavo in giro per Parigi - M. questo effettivamente è un bellissimo ricordo, questo si - ma quando è apparsa la foto sopra mi si è stretto il cuore. Era la fine di un periodo terribilmente tormentato - eufemismo - e vedere la MIA cucina, nella MIACASA montata e funzionante, è stata  sicuramente una delle emozioni più grandi della mia vita. Non mi sono mai sentita così felice! Aprire il rubinetto e vedergli uscire l'acqua... O accendere il gas e vederne la fiamma azzurra. Il top era il frig…