Post

Visualizzazione dei post da settembre 9, 2012

Qualcosa è cambiato

Immagine
[on the air: notte prima degli esami - a. venditti]
«Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quïete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare» (Giacomo Leopardi)
Maturità ti avessi preso prima, le mie mani sul tuo seno,  è fitto il tuo mistero. Il tuo peccato è originale  come i tuoi calzoni americani, non fermare ti prego le mie mani sulle tue cosce tese  chiuse come le chiese, quando ti vuoi confessare...