Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2016

Dario

Era uno dei rarissimi giorni dell'estate scorsa in cui diluviava. Ma pioveva fortissimo, tanto da non lasciarci scendere dalla macchina. Io e il Socio come due pirla nel parcheggio uno fianco all'altra scrivendoci su whatsapp: Scendi! No Scendi tu! Allora spostiamoci! Dovevo scendere per forza. Non volevo arrivare in ritardo ne tanto meno volevo accadesse per colpa della pioggia... Il problema è che per l'occasione mi ero pure vestita da signorina a modo... Diluvio e ballerine non sono mai state una grande idea; un pò come il gambaletto e la minigonna. Decisione drastica: ballerine in mano e attraversamento del parcheggio allagato a piedi nudi. Il Socio è abituato alle mie cagate... Un pò meno quelli dell'ufficio quando mi hanno vista arrivare con le scarpe in mano... Mi sono presentata esattamente così. Ero un pò intimorita. Ne avevo sempre sentito parlare - quasi sempre bene - come di uno tosto. Molto. Poi sinceramente non mi ero preparata un grande discorso, ma avevo …

Incanto

Immagine
Cervinia non è sicuramente il posto più bello in cui andare a sciare, soprattutto per le piste fin troppo facili. Però quello che ti regala dal punto di vista del paesaggio, è qualcosa di unico. Ho sciato tutto il giorno con questa meraviglia davanti agli occhi. Mi sono divertita da matti, sono stata bene, ringrazio i miei amiZi per questa bellissima giornata e il buon Dio per aver creato una meraviglia simile. Testa, cuore e pensieri leggeri come non mi capitava da un sacco. Sono giornate terapeutiche cui non rinuncerò mai, per nessun (motivo).

84

Immagine
Nei sorrisi, nelle lacrime, nei momenti in cui mi sono sentita scoraggiata, la più forte del mondo oppure fragile, in cui ti ho chiesto il perché di certe cose che non capivo, quando apro gli occhi ogni mattina felice di esserci e quando li chiudo la sera ringraziandoti per avermi accompagnata ancora una volta, nelle cose che guardo, mi commuovo, e penso che li, proprio in quella cosa precisa, mi hai parlato e mi hai voluto dire "ci sono, ci sono sempre stata!".
Grazie Mamma per quello che sei.  E grazie per la giornata che mi hai regalato oggi. Dopo tanti momenti brutti, finalmente solo sorrisi ed il cuore libero e leggero come non lo sentivo da chissà quanto.
Ovunque tu sia, sarai sempre il grande amore della mia vita. Grazie, davvero, per esserci sempre stata.
 Buon compleanno! Auguri Rosiiiiiiiiii ❤
il futuro è tutto da vedere  tu lo vedi prima  me lo dici vuoi che mi prepari  e sorridi ancora... 
quando il tempo non passava  non passava la nottata  eri solo da incontrare  ma tu ci s…

After 40

[on the air: per sempre - nina zilli]
L'ho già detto? Si l'ho già detto. Adoro i post di questo sito. E mi piace un sacco condividerne dei passaggi perchè mi ci ritrovo in pieno. Belli e terapeutici.
Titolo dell'articolo di turno:  I meravigliosi desideri di una donna dopo i 40 anni.
AH AH AH.
Comunque, io non mi sono mai sentita a mio agio in un'età della mia vita, come in questa. Sono felicissima dei miei 41 anni quasi 42, ci sto benone e sono proprio contenta di averli e di esserci arrivata. Ieri leggevo l'intervista alla povera Nina Zilli - che non mi dispiace affatto... Anzi... La sua "Per sempre" è una delle mie canzoni preferite - sfanculata senza appello dal suo ex Neffa - che mi sa di uno che puzza di sigaretta, un pò vuncio con le crosticine gialle negli occhi, la barba unta e i vestiti che sanno di armadio chiuso con la naftalina nelle tasche dei cappotti - che esordiva con questa frasona: "[…] Spesso sbaglio. Salto su tutti i treni che passano, senz…

Il caso spotlight

Immagine
Rooooonnffff zzzzzzzz Rooooooooooonnnnfffff zzzzzzzz
Va bene. Non avevano molte altre alternative per raccontare uno scandalo di queste proporzioni e che andasse a toccare un argomento così delicato e, per certi versi, pericoloso. Ma madremia che due maroni! [e detto da una che adora il cinema francese...] Ad un certo punto mi sono pure addormentata! E che non mi capitava da non so quanto! Boh. Io l'oscar ad un film del genere, non l'avrei mai dato. Occhei, premiato il coraggio, ma per il resto veramente una tonnellata di pellicola. Non mi ha presa, non mi ha coinvolta, non ho versato nemmeno una lacrima (che mi commuovo guardando un posto al sole...), ho fatto una pennichella. Filmone proprio! E siccome non esiste mai che a me le cose vadano via normali come a qualunque essere umano, capita che mi guardi il film beatamente circondata da un paio di classi del seminario di Venegono e relativi prelati accompagnatori.  Poteva andare peggio. Poteva piovere. Son cose.

Black out

Immagine
25 ore di black out ovvero 25 maledettissime ed infinite ore senza corrente elettrica dalle 11 del sabato alle 12.30 della domenica alla fine riescono a portare con sè anche qualcosa di positivo. Un complimento meraviglioso e una teglia di pasta al forno di mio fratello che, come i bene informati sanno, è una delle cose che più amo al mondo.
Son soddisfazioni.
In ogni caso, un'esperienza che non auguro veramente a nessuno, soprattutto se hai poca batteria nel telefono, se ne hai meno nel Mac e se avevi in mente di fare mille cose tra cui divanarti come se non ci fosse un domani a guardare film a nastro. Mi ha salvata la mia fantastica stufa a legna, che mi ha scaldata ed illuminata con il suo calore dolce. E anche questa, possiamo dire d'averla vissuta. Altro giro, altro regalo!

E' sempre un piacere

[on the air: odio le favole - ermal meta]

Nella sua vita «ospite» non c’è posto per me. [vanityfair.it]
[...] L’amore sposta le montagne ma non i caratteri, che hanno i loro tempi di maturazione, indipendenti purtroppo dai tuoi. La persona che fa per te si presenta all’appuntamento già in sintonia e in equilibrio con le tue esigenze. Tra voi potranno esserci problemi pratici da risolvere, residui delle vite precedenti, ma mai dei veri ostacoli sentimentali.
Se ami il tuo Eterno Single al punto da fartelo bastare, prenditi quel poco che ti dà. Ma se, come credo, quel poco non ti basta e ti mette pure di cattivo umore, lascialo andare al suo destino, perché non è il tuo.

Cuore (Con gli occhi a forma di)

E poi fate l’amore. Niente sesso, solo amore.

E con questo intendo i baci lenti sulla bocca,
sul collo, sulla pancia, sulla schiena, i morsi sulle labbra, le mani intrecciate, e occhi dentro occhi.
Intendo abbracci talmente stretti da diventare una cosa sola, corpi incastrati e anime in collisione, carezze sui graffi, vestiti tolti insieme alle paure, baci sulle debolezze, sui segni di una vita che fino a quel momento era stata un po’ sbagliata.
Intendo dita sui corpi, creare costellazioni, inalare profumi, cuori che battono insieme, respiri che viaggiano allo stesso ritmo, e poi sorrisi, sinceri dopo un po’ che non lo erano più.
Ecco, fate l’amore e non vergognatevene, perché l’amore è arte, e voi i capolavori.
Alda Merini