Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Cornwall 2018

Immagine
Il sottotitolo del mio viaggio in Cornovaglia è S.P.Q.I. (Sono Pazzi Questi Inglesi) a partire da quello che ingoiano a colazione, in poi. Il primo giorno, tra il divertito, lo schifato e lo stupito, l'ho mangiata quasi - dico quasi - senza problemi. Il secondo giorno il mio stomaco, alla nuova vista dei fagioli, dei funghi, delle salsicce, bacon e tutto il resto iniziava a dare dei segnali inequivocabili di rifiuto nel gestire tutta quella roba già dal mattino presto... che poi, in ogni caso, non è che a mezzogiorno ed alla sera la questione fosse molto diversa... insomma, per farla breve per la mia integrità fisica mi sarei dovuta portare il panaro da casa, mi sarei certamente evitata dieci giorni di disturbi di ogni tipo e natura. Che poi ogni volta in cui ho problemi intestinali la domanda è sempre la stessa: ma tutta quella roba, ma dove è stata nascosta fino adesso?!?!

Sorvolando sul discorso culinario, la Cornovaglia è una terra in cui le mille varietà di verde e di blu al…

52

Immagine
Andremo avanti a festeggiarti lo stesso, sempre, fino a quando potremo e ci saremo, con la consapevolezza che alcune volte è più forte quello che hai nel cuore rispetto a ciò che vedi e hai attorno, nell'attesa un giorno di trovarci ancora tutti seduti attorno alla tovaglia a quadretti bianchi e blu cucita apposta per le nostre tavolate dalla Mamma.
Buon compleanno Fra, sempre e per sempre. Ti voglio bene. (stronzo)
🔘 Sei birre in due, come ai vecchi tempi. Ti voglio bene R. 🔘

XIV

Per cogliere davvero a fondo lo spirito Alpino, almeno una volta nella vita bisogna partecipare alla cerimonia di saluto di uno di loro. Di uno che è "andato avanti", come usa dire.
Il disegno della mia esistenza deve essere proprio curioso, perchè spessissimo accadono circostanze ed intrecci incredibili; mi trovo a vivere situazioni magari dolorose, magari inspiegabili che poi si rivelano, sempre.
Ieri ho salutato una persona per bene, un uomo che mi ha accolta sin da subito come "una di loro", che mi ha voluto bene e verso cui ho provato una stima ed un affetto grandi.
Una cerimonia sentita, bella, importante. Un saluto, l'ultimo, come doveva essere.
La commozione ed il dispiacere erano palpabili, pesanti, negli occhi di tutti.
Io ieri ero lì, sciolta dal caldo, in chiesa, dinnanzi ad una cassa di legno con il cappello da Alpino appoggiato sopra, con i gagliardetti, la preghiera dell'Alpino, il cuscino di rose, il "Signore delle cime", le penne nere.
T…