Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2017

Segui il tuo cuore che ha un tempo perfetto

Immagine
Buena suerte
Buena fortuna
A chi sceglie l'alba per andar via, a chi non sa
Se partire o no
Mentre il giorno lo aspetta
Buena suerte
Buena fortuna
A chi vuole cambiare il mondo e a chi viaggerà senza limite
Segui il tuo cuore che ha un tempo perfetto
Anche se sbagli ancora
Non puoi stare fermo allora
Credimi, è un passo nel vuoto la felicità
Segui il tuo cuore che va
Dove splende ogni sogno
Buena suerte
Buena fortuna
A chi sposa una fede ma fede non ha
A chi piangerà per sorridere
Segui il tuo cuore che ha un tempo perfetto

Anche se sbagli ancora
Non puoi stare fermo e allora
Credimi, è un passo nel vuoto la felicità
Segui il tuo cuore che va
Dove splende ogni sogno
Credimi, è un salto nel vuoto la felicità
Segui il tuo cuore che va
Segui il tuo cuore che va
Buena fortuna

MetroNapoli - Zingarata 2k17

Immagine
[on the air: yes i know my way - pino]


Mi sono fatta uno dei primi regali di questo nuovo anno: la zingarata di una giornata a Napoli, come nel 2012. Stesse compagne di avventura. Due donne. E che Donne. ❤ Partenza ore 09.00 da Malpensa e ritorno alle 21.00 dello stesso giorno. Una meraviglia. Ristoro per l'anima. Vieni catapultato per qualche ora in una realtà completamente diversa, con un sole diverso, un clima diverso, accenti e personaggi che solo in un posto come Napoli puoi trovare.
Ti svegli a Cantello e dopo due ore sei in Piazza del Plebiscito.
Spettacolare. Adoro questa città. Mi piace da matti.

Se il primo incontro era stato una (fantastica) scoperta, il secondo è stato ancor più bello. 
La metropolitana di Napoli è un gioiello di arte, architettura  e design.
Ben tenuto, pulito, non più pericolosa della metro di Milano (anzi a dire il vero io ho più paura sulla seconda) nessuna puzza di carne umana, di rotaie consumate, di pipì di non precisato essere vivente, di sporco.
Ogni angol…

Alla Scala (felicità a secchiate)

Immagine
[on the air: dances of galanta - kodàly]




LaCatella va in città. Al posto di Caterina. [cit.] All'alba dei quarantadueanniemmezzo sono finalmente riuscita ad entrarci. La cosa divertente della mia vita è che per quanto tutta possa sembrare slegato da ciò che sono, in un modo o nell'altro riesco sempre a realizzare piccoli o grandi desideri. Non ho assistito ad un'opera di quelle colossali, ma ad una prova aperta in cui (a parte la violinista solista che si presenta in zibrette e che suona a piedi nudi - ma pare sia abitudine) l'orchestra ha suonato in abbigliamento poco più elegante di me quando faccio i mestieri ed il direttore in sneakers adidas da partita allo stadio. Fantastico. Il teatro alla Scala di Milano è qualcosa di incredibile: entri e ci sono un sacco di tizi vestiti da preti con una catena al collo stile Kuntakinte che ti salutano e sorridono manco fossi la guest star della serata. Se hai preso il posto sui palchi laterali, come noi, sempre il tizio incatenato -…