Vaaaaaaaabhè.

[on the air: La montanara ]


Allora è ufficale...
Domani parto. Per una settimana.
La settimana bianca che avevo prenotato ad agosto, dopo aver speso tutti i giorni di ferie per lavorare a casa.
Torno a riabbracciare le mie adorate dolomiti, che comunque mi mancano da un sacco di tempo.
In questo momento, dopo una notte agitata, mi pesa anche dover andare a Varese a prendere l'Anita a scuola... Figuriamoci andare via da casa.
Mi pesa e non ho voglia.
Mi angoscia anche un pò perchè è la prima volta che mi "stacco" da casa senza baciare ed abbracciare la mia mammina prima di partire...
Chi l'avrebbe detto è?
Eppure io e lei eravamo così. Nei primissimi istanti lontana da lei, poi, in qualsiasi posto dovessi andare ed indipendentemente dalla lunghezza o meno del viaggio, ho sempre avuto il magone. Anche questa estate per quel paio di giorni che ho passato via in moto.
La stessa sensazione che provavo quando partivo per i turni della colonia... ma lì piangevo come una fontana. ma vabbhè.
stavo già messa bene da piccola...
Poi io sono sempre stata l'unica a chiamarla ogni giorno. Alcune volte anche più volte, se magari mi capitava qualcosa di simpatico e carino che dovevo assolutamente raccontarle...
Mitica ed indimenticabile è stata la vacanza in sicilia del 2007 durante la quale mi chiamava da Cantello a Noto (quei 1700 km di distanza) per convincere l'Anita a farsi fare le punture sulla chiappa...
MA MAMMA!!!!!!!!!!!!!!!
eh. come mi mancheranno tutte queste cose.
parto allora. statemi bene e ricordatevi di me ogni tanto.
un abbraccione particolare alla mia amica Sary in partenza per l'australia... ciao gina. in bocca al lupo per tutto!
e ciao a tutti voi.
vi porterò nel cuore.

Lachiara

Commenti

Post popolari in questo blog

Disinnescare

Fantozzi rag. Ugo, matricola 1001/bis, dell'Ufficio Sinistri

The best day of my life